Uno scoppiettante spettacolo di fuochi d’artificio ha siglato la chiusura della manifestazione “Medievalis 2011”, una kermesse di rievocazione storica perché ormai da anni accompagna l’estate pontremolese regalando quattro giorni ricchi di attrazioni, duelli conferenze e mostre tutte ispirate alla storia e alla tradizione medievale.
La contrada vincitrice di questa edizione è stata il Contado che è riuscita a strappare la palma alle altre contendenti solo all’ultima e più emozionante sfida “Il palio del saracino”, svoltosi domenica sera nell’accampamento di fronte ad una folla numerosissima e trepidante assiepata sul ponte della Cresa e lungo il torrente Verde.
La partecipazione dei residenti, ma soprattutto dei turisti, notevole la partecipazione di stranieri, è stata veramente impressionante ed ha fatto registrare un incremento del 40% rispetto alle pur numerose presenze dello scorso anno, con grande gioia degli operatori commerciali e dei titolari delle strutture ricettive e di ristorazione che hanno potuto godere di giornate particolarmente favorevoli.
Palpabile soddisfazione anche tra gli intervenuti in quanto il tempo splendido e l’offerta davvero varia hanno accontentato tutti i “palati”: maghi, giocolieri, sbandieratori, armigeri hanno incantato i più piccoli, mentre le “donzelle” sono state catturate da splendidi monili d’argento e pietre dure che facevano mostra di sé sulle bancarelle, gli uomini, dal canto loro, hanno potuto assaporare pietanze e bevande già in uso nel medioevo, quali l’idromele un liquore ottenuto dalla fermentazione idroalcolica del frutto omonimo.
Chi si fosse trovato a passeggiare in questi quattro giorni di festa nelle vie cittadine avrebbe visto una Pontremoli vivace, affollata da persone curiose ed entusiaste, un quadro di vitalità, anche economica, che ogni realtà lunigianese dovrebbe augurarsi di poter vivere più volte in questi tempi di crisi.
Sfortunatamente alcuni spiacevoli equivoci hanno turbato, nella sua parte finale, il sereno andamento della manifestazione.
La Compagnia del Piagnaro in quanto principale organizzatore e responsabile dell’evento si dissocia completamente dal comportamento assolutamente irresponsabile e di cattivo gusto di alcuni partecipanti riservandosi di prendere decisioni in merito al momento dell’organizzazione dell’evento dell’estate 2012, al quale spera una presenza di turisti gioiosa e nutrita come quella di questi giorni.