Dopo il favoloso corteo medievale e la solenne rievocazione della consegna alla città del diploma di Libero Comune da parte di Federico II, svoltisi ieri sera, si assegna stasera alle 23 “Medievalis” al termine del gran finale con cavalli e cavalieri in lizza dove le tre contrade Sommoborgo, Imoborgo e Contado si contenderanno l’artistico trofeo bronzeo “Medievalis”, opera dello scultore pontremolese. Luciano Preti. La bella giornata di ieri aveva visto scendere a Pontremoli tanti visitatori già di buon’ora anche perché il mercato del sabato si è svolto in piazza Italia e in via Roma dato che le piazze e le vie del Centro storico erano occupate dagli oltre 130 espositori del Mercato Medievale. L’attività agonistica davanti all’Accampamento nei pressi del Ponte della Cresa ha visto già in mattinata i giovanissimi arcieri esibirsi allenandosi al tiro con l’arco mentre dal castello il Corteo Storico, al ritmo cadenzato dei tamburi, dopo essersi snodato per le vie del centro è giunto in piazza Duomo dove si è svolta la suggestiva cerimonia dell’Investitura del Templare davanti ad una folla di curiosi che sostavano in religioso silenzio. Al termine Musici, giullari e Saltimbanchi hanno messo in scena un’esilarante esibizione attraverso le vie del centro storico. Nel pomeriggio attività didattica “Come animare la pietra” con creazione dal vivo dei maestri scultori dell’Accademia di Firenze, allievi del prof.Preti. E mentre davanti all’accampamento i maestri d’arma impartivano lezioni di “Duello all’arma bianca”, gli Sbandieratori e i musici del Gruppo storico città di Aulla si esibivano in piazza Duomo davanti ad un pubblico plaudente. Tutto esaurito in Piazzetta della pace dove il dott. Massimo Dadà ha parlato sul tema “Strade e monasteri in Lunigiana”.E per oggi, il gran finale.

“Il Tirreno”